Fabbricanti - Italia

  

Vorrei pubblicare sul nostro sito un elenco di tutti i fabbricanti del nostro paese, anche se non sarà mai completo visto l'enorme numero di cartai che hanno operato in Italia. 

Qui di seguito trovate quello che ho raccolto fino ad ora, in ordine alfabetico. 

Spesso le date sono presunte, in attesa di dati più attendibili. Se la data citata è una sola è quella dell'unico mazzo di quel fabbricante da me conosciuto, non quello dell'inizio/fine della sua attività.

Sarei grato agli amici collezionisti se mi volessero segnalare errori, nuovi elementi, date ecc. in modo da poter fornire ai collezionisti un elenco completo e attendibile dei fabbricanti italiani.
Sarebbe interessante poter citare la fonte delle notizie, unitamente alla riproduzione di carte/retri del fabbricante (con nome, date ecc.) ecc.  

Per qualsiasi informazione, suggerimento, segnalazione ecc. contattate il coordinatore del progetto virgilio.ferrari@virgilio.it specificando se volete che il vostro nome venga citato come fonte.

Grazie per la vostra collaborazione. 

 

 

- A - - B - - C - - D - - E - - F - - G - - H - - I -
                 
- J - - K - - L - - M - - N - - O - - P - - Q - - R -
                 
- S - - T - - U - - V - - W - - X - - Y - - Z -  

 

 

- A -

 

Mariano Abati (Bologna [I] 184x)

 

Fabbrica Adami (Firenze [I] 185x-1892) Il proprietario era probabilmente Luigi Adami. Rilevata da Antonio Poli

   

G. Agresti (Firenze [I] 1884)

 

Albani (Urbino (PU) [I] - fine 17° sec.)

 

Mattio Albertini (Venezia [I] inizi 19° sec.)

 

Giovanni Battista Albinoni (Venezia [I] 17° sec.) Padre del musicista autore del famoso Adagio

 

T. Albrecht o Allbrecht (Innsbruck [A] 1750)

Johann Albrecht o Allbrecht (Innsbruck [A] 1787-1820) Probabilmente imparò il mestiere lavorando dieci anni da Andreas Benedikt I Göbl e lasciò quella ditta e München alla morte del titolare, nel 1786, o l'anno successivo.

Michael Albrecht (Innsbruck [A] 1820-1831) Figlio di Johann Albrecht, nacque nel 1789 e morì nel 1877

Franz Albrecht (Innsbruck [A] 1850) Figlio di Johann Albrecht

Karl Albrecht (Bozen/Bolzano [I] 1858-1889) Suo nonno era Johann Albrecht. Probabilmente lavorò a Innsbruck  prima del 1858. 

  

Giambattista Albrizzi (Venezia [I] 177x)

 

Domenico Aldini (Firenze [I] 1752-1780) Fu concessionario del bollo in Toscana (1752-1780)

 

Alia Uno (Roma [I] 1985)

 

Giuseppe Alizieri (Savona [I] 1853)

  

E. Ambrosi (Padova [I] 187x-190x)

 

Matteo Ambrosi (Padova o Vicenza [I] 1858)

 

Marco Andreola (Venezia [I] campo sant’Angelo o Ponte dell'Angelo - 18° sec.) Marchio “La Turchina”

 

Acarlo Anelli (Venezia [I] sestiere Castello - 1848-1853)

Luigina Martini Anelli (Venezia [I] 1853) Vedova di Acarlo Anelli, cedette l’attività a Teresa Zancanaro

 

Emilia Angiolini (Bologna [I] 19° sec.)

 

Antonio di Giovanni di ser Francesco (Firenze [I] 1430) È il primo fabbricante italiano di carte di cui sia noto il nome

 

Aquila coronata (marchio) (Padova [I] fine 17° sec.)

 

Marca Areoplano ( ? [I] 194x ?-195x ?) Di questa ditta sono noti mazzi di carte per bambini

 

Armanino (Genova [I] ?)

Armanino Fratelli (Genova [I] via Vincenzo Ricci - 1885- 192x)

S. A. I. G. A. Società Anonima Industrie Grafiche Armanino (Genova [I] 1910-1915 ?)

Armanino già Fratelli (Roma [I] 192x)

Successori F.lli Armanino (Roma [I] via Tacito 54 - 192x)

Armanino (Roma [I] 193x)

F.lli Armanino (Roma [I] via Tacito 54 - 1940-195x)

Armanino già Fratelli (Roma [I] 1952)

Successori Armanino (Roma [I] via Tacito 54 - 1937 - 195x)

Armanino e Cassini (Roma [I] 191x-192x) Nella ragione sociale scritta sui mazzi si trova anche Fabbrica di carte da gioco delle Marche e sulla scatola Succ. Armanino
Esiste un mazzo con la scritta Fabbrica di carte da gioco Già F.lli Armanino di Genova e già Guido Cassini di Brescia (bollo 1917÷1922)

Armanino - M. A. R. C. (Trieste ? [I] 198x) Fabbricate da Modiano 

Piatnik nel 196x-197x stampò mazzi su cui appare anche il nome Armanino

  

Arti Grafiche Alinari Baglioni (Firenze [I] ? 197x-1981 ?)

  

G. Giacomo Astorri Co De B. S. (Piacenza [I] 188x)

 

Fratelli Avondo (Serravalle Sesia (VC) [I] 1860-1880) Probabilmente divenne poi Cartiera italiana, sempre a Serravalle Sesia (Cartorama 54 277 pag. 56)

 

Fratelli Avondo (Genova [I] 1885 ?-1933 ?)

 

Fratelli Avundo (Vercelli [I] inizi 19° sec.)

 

Martino Azzarello (Palermo [I] 192x-193x)  

  

 

- B -

 

Baccio (?) Baldini (Venezia [I] 1475)

   

Pietro Bagaglia (Bologna [I] 189x)

 

Alessandro Bandini ex Canali (Parma [I] borgo Parente 12 - 187x)

 

Giovanni Bandini (Parma [I] 185x)

 

Vincenzio Baragioli (Firenze [I] via dei Bardi 16 (1817) - 1803-xx) Fu probabilmente il capostipite della famiglia di fabbricanti fiorentini 

Giuseppe Baragioli (Firenze [I] via della Scala (1824) poi presso la volta dell'Arcivescovado) Nel 1835 era uno dei tre maggiori fabbricanti di carte operanti a Firenze

Fratelli Baragioli (Firenze [I] xx-1870) Enrico e Attilio, probabilmente figli di Giuseppe. Enrico rinunciò all'attività nel 1870 a favore del fratello 

Attilio Baragioli (Firenze [I] 1870-190x)

Enrico Baragioli (Firenze 186x)

 

A. Baragioli & C. (Firenze [I] 192x ?)

Enrico Baragioli & C. (Firenze [I] 1803-183x)

   

Francia & Baragioli (Firenze [I] 1790) Marchio “Al sorte”

 

Francesco Barattini (Bologna [I] 185x)

 

Francesco Barattini (Bologna [I] 1803)

 

Agostino Barbaro (Venezia [I] parrocchia dei Frari 1843-1869) Rilevò l’attività di Antonia Maria Brunelli Martignon nel 1851.
Nel 1867 si trasferì in santa Croce, Tolentini

 

Antonio Barbaro (Venezia [I] santa Maria Maggiore fondamenta Rizzi 318 - 1848)

 

Giovan Battista Barbieri (Milano [I] 1758-1771) Non mise mai il suo nome sulle carte, ma utilizzò marchi tipici di Bologna.
Nel 1758 indirizzò una supplica a Maria Teresa come produttore di carte. Probabilmente era mantovano e ambiva ad aprire una fabbrica a Milano, di cui si hanno notizie fino al 1771 (Carte da gioco milanesi dal XV al XX secolo pag. 14 e seg.). Disegnò anche mazzi per altri fabbricanti

 

Napoleone Pietro Barelli (Milano [I] galleria de Cristoforis 4-5-6-7 - 1907) Era un negozio di giochi e cotillons che stampò o fece stampare un mazzo di Mercante in fiera.

 

Pietro Barigazzi (Bologna [I] 186x-187x)

 

Domenico Battarelli (Mondovì (CN) [I] 1848)

 

Bazagigli (Firenze [I] 1865)

 

Giuseppe Beghi S. A. (Piacenza [I] 1821-190x e Milano [I] via Bezzecca (194x stesso indirizzo S.A.P.V.) 190x-1959 ?) Rilevato da Morreale (Vito Arienti 27/10/98)
Romano Biani ha una confezione, acquistata sigillata, con scatola Parini & Vanoni e carte di Beghi

 

Bellastampa (Roma o Milano [I] 1976)

 

Beltramo (Torino [I] via Rosa rossa 3 - 1800 ?)  

Giuseppe Beltramo (Torino [I] 1857)

Carolina vedova Beltramo (Torino [I] via San Maurizio 14 - via del Gallo 1 (1889) - 1870-1889)

 

Belviso (Bari [I] fine 19° sec.-prima metà 20° sec.)  

 

Gaetana Benassi (Parma [I] 1875)

 

Giuseppe Bendelli (Trento [I] 1810-1859)

Carlo Bendelli (Trento [I] 1859-1877) Figlio di Giuseppe Bendelli, vendette gli stampi a Luigia Zeni. La fabbrica fu gestita ufficialmente da lui solo dal 1863, ma ne era responsabile dal 1859

 

Giuseppe Bendelli (Trieste [I] 183x)

 

T. Benedetti (Petriolo (MC) [I]  fine 19° sec.-inizi 20°)

 

Benetto (Venezia [I] piazza san Marco - 18° sec.) Marchio “La Perleta”

 

Agostino Bergallo (Genova (?) [I] 18° sec.)

 

Beroaldi (Modena [I] 1823)

 

Paolo Bertagnoni (Trento [I] 1809-1810)

 

Bertello (Borgo san Dalmazzo (CN) [I] 1937)

 

Davide Berti (Bologna [I] 175x) marchio “Al Mondo”  

 

Francesco Berti (Bologna [I] 177x) marchio “Al Leone”

 

Francesco Berti (Bologna [I] 175x-178x) marchio “Al Cervo” e “Al Leone”

 

Davide Bertieri (? [I] 18° sec.) marchio “Al mondo”

 

Carlo Vittorio Bertinazzi (Bologna [I] 1781-1801)

 

Fratelli Bertola (Piacenza [I] Strada Dritta n° 81 - 1862)

 

Gaetano Bertola (Piacenza [I] 185x-1875)

 

Giacomo Bertoldi (Trento [I] 1886-1896) In precedenza era in società con F. Brusinelli. Fu l’ultimo fabbricante di carte di Trento

 

Besso (Biella [I] 19° sec.)

 

Curzio Bezzicari (? [I] 19° sec.)

 

Bi-ASS (Settimo Milanese (MI) [I] via Edison 3 e poi Pasiano (PN) - 198x) Era la filiale in Italia della ASS.

 

Gio. Battista Bianchi (Bologna [I] 1725) Marchio “Alla Rosa” e "Al Soldato"

 

Bietti (Milano [I] via Jean Jaures 9 - 196x-198x) Casa editrice di libri, ha stampato anche carte da gioco

 

Giovanni Battista Bocciardo (Genova [I] 18° sec.)

 

Gio. Bartolomeo Bocciardi (Genova [I] 18° sec.)

 

Giacomo Bolognatto (Udine [I] via Villalta - 1870-1890) Nacque nel 1842 e morì nel 1915. Iniziò a lavorare da Francesco Sandini a Vicenza. La sua attività venne rilevata da Lorenzo Muccioli di Povoletto.

 

Boncompagni e C.i (Perugia [I] 186x)

 

G. Bonetti (Firenze [I] 1883)

 

Pietro Bonozzi (Bologna [I] 1477)  

 

Fratelli Bonzio de' Reatti & C. s.n.c. (Venezia [I] Fondamenta del Carbon n. 5122 (Sestiere S. Marco) - 21 luglio 1873-22 novembre 1874) Iniziò l'attività quando Salvadori cedette la sua attività, iniziata il 19 settembre 1872, alla società; l'attività cessò ben presto perché "la società non potè prosperare". Soci della società erano Salvadori e i fratelli Celeste e Giuseppe Bonzio de' Reatti.

 

Bordoni & Borgonovo poi Bordoni & Raineri (Milano [I] corso Magenta 34 - 1885-1920) citata anche come Bordoni Raineri & C. e R. Bordoni & C. Rilevò la fabbrica di Lamperti

  

Cesare Boretti (Mantova [I] 19° sec.-191x)

 

Bartolomeo Borghi (Bologna [I] 1725) marchio “All’Angelo”

 

Francesco Borghigiani (Firenze [I] 162x-1645 ?) Fu concessionario del bollo in Toscana (1631-1636)

 

Pietro Borigazzi (Bologna [I] 186x)

   

Giulio Borzaghi (Bologna [I] piazzola della Canepa - 1717) marchio “Al Mondo”  

 

Paolo Bosio (Sanpierdarena (GE) [I] fine 18° )

Pietro Bosio (Sanpierdarena (GE) [I] 18° )

F. Bosio (Sanpierdarena (GE) [I] inizi 19° sec.)

Costantino Bosio (Sanpierdarena (GE) [I] 1835)

Gerolamo Bosio (Sanpierdarena (GE) [I] 1850)

H. Bosio (Sanpierdarena (GE) [I] 184x-186x)  

 

Nicolò Bottari (Venezia [I] sestiere di Castello - 1837-1843)

Elisabetta Casert Bottari (Venezia [I] 1843-1844) Vedova di Nicolò Bottari; l’attività fu rilevata da Marco Rubelli

 

Botti & Biscoff (Udine [I] ?)  

 

Bottega della fiera (Bergamo [I] fine 19° secolo)  

 

Pietro Brevi (Bergamo [I] via Borgo Palazzo - 1928-1943). Rilevata da Masenghini

 

Fabbrica Brogi (Firenze [I] 1850 ?)

 

Antonia Maria Brunelli Martignon (Venezia [I] parrocchia dei Frari - 1843-1851). L’attività fu rilevata da Agostino Barbaro

 

Pellegro Bruscaglia (Voltri (GE) [I] 1859- ?) L’attività fu iniziata dal padre

 

F. Brusinelli & G. Bertoldi Società (Trento [I] 1861-1866)

 

Antonio Bulison o Antoine Bulifon (Napoli [I] 1677-1681) Marchio “All’insegna della sirena”

 

Bernardo Burgio (Napoli [I] strada Anticaglia 26 largo Guglia S. Gennaro n° 157 - 1863-1874)

 

P. Buscaglia (Mele (GE) [I] inizi 20° )

 

Vincenzo Busdraghi (Lucca [I] 1549-1565)

   

  

- C -

 

L. Cabria (Massa superiore [I] ?) 192x

 

Luigi Califano (Napoli [I] Vico Canalone a Forcella n° 8 - ?)

 

Camaschella (Varallo Sesia (VC) [I] 1855)

 

Cambissa & Co. (Trieste [I] inizi 20° sec. -1966) L’attività fu rilevata da Modiano nel 1966. Alcuni mazzi furono stampati con il nome Cambissa fino al 1975 circa (IPCS Journal XXV-5) e anche nel 199x

 

Concetta Campione (Catania [I] via Plebiscito 35 tel 345417 - 193x-196x) Figlia di Concetta Patané

 

Andrea Canali (Parma [I] viale Steccata 4 - 1815- 183x) Iniziò la sua attività a Modena e si spostò poi a Parma divenendo il gestore della Fabbrica Di Parma di cui metteva la sigla F. D. P. sui mazzi

 

Giuseppa Canali (Parma [I] 185x)

 

Amadeo Candiani (Novara [I] 189x-190x)

 

Maria Cantone vedova Zenone (Borgosesia (VC) [I] 1840)

 

Giovanni Capelli (Piacenza [I] 185x)

 

Capitol (Roma [I] 197x)

 

Antonino Cara (Palermo [I] 1827)

 

Cartiera Italiana (Serravalle Sesia (VC) [I] 188x)

 

Cartificio italiano moderno (Palermo [I] piazza Stazione Centrale 16 - 1943)

 

Francesco Cassini (Vicenza [I] 2° metà 18° sec. -1840) Fu l’unica fabbrica di carte in quel periodo nelle province venete (Le carte baresi pag. 41) La figlia sposò Luigi Murari che nel 1840 ne ereditò la fabbrica

 

P. Cassini (Ferrara [I] fine 18°)

 

G. Cassini (Ferrara [I] 187x)

 

Cassini Salvotti (Vicenza  [I] 1785 - ?) La pubblicità su “La matta” (pag. 156) riporta la dicitura “Già della antica casa Cassini-Salvotti fondata nel 1785”

F. di Ca. e Salvotti (Vicenza  [I] Pescarie vecchie 2137 - 184x) (Schreiber collection)

Annibale Cassini Salvotti (Vicenza  [I] Pescarie vecchie 2137 - 185x)

G. Cassini Salvotti (Brescia [I] via dell'Aquila Nera 4 -  1902) Ne era socio Gaetano Cassini (1841-1913). Sull'argomento Gustavo Orlando Zon ha preparato un'accurata ricerca in occasione di una mostra nel castello di Bornato

Cassini Salvotti (Brescia [I] piazzetta Pallata 5 e via dell'Aquila Nera 4 - 189x-1908)

G. Cassini (Brescia [I] 1910? - ) Un mazzo (1916÷22) porta la scritta Stabilimento carte da gioco già Cassini - Roma

G. Cassini (Brescia [I] )

Guido Cassini (Brescia [I] 191x) successore alla ditta G. Cassini-Salvotti (documento internet "Le vere regole per giocare in quattro il tresette - 1912" .  
Esiste un mazzo con la scritta Fabbrica di carte da gioco Già F.lli Armanino di Genova e già Guido Cassini di Brescia (bollo 1917÷1922)

Giuseppe Cassini (Brescia [I] corso Cavour 37 poi via Montesuello 6 - 191x-1942 ?) Giuseppe Cassini ( - 1963) ne divenne l'unico titolare nel 1927. Marchio stemma di Brescia (ripreso poi da l'Ecarté)

  

Andrea Castellan (Borgosesia (VC) [I] 1852)

 

Giacomo Castellano o Chastelano (Serravalle (AL) [I] 174x)

 

Ambrogio Catelli (Firenze [I] 162x ?)

 

Angelo Cattinelli (Gorizia [I] 177x-180x)

 

Nicolò Cattinelli (Gorizia [I] ? )

 

Maria Cavanna vedova Biglio (Vercelli [I] 1849)

 

F. L. Ceccon (Trieste [I] 185x)

 

Antonio Maria Celesio (Barcelona [SP] 17° sec.) Proveniente da Finale Ligure

Antonio Maria Celesio Burriagia (Barcelona [SP] e Finale Ligure (SV) [I] 1781-1783)

Jorge Celesio (Barcelona [SP] 1784- ? )  

  

Regina Cenedese (Venezia [I] 1834)

 

Antonio Cerono (Bologna [I] 1719)

 

G. P. Chattino (Avellino [I] 1800 ?)

   

Charles Cheminade (Grenoble [F] 1714-1747)

Pierre Cheminade (Serravalle (AL) [I] 1742)

 

Ferdinando Chiari (Firenze [I] 184x-189x) L’attività fu rilevata da Cocci nel 1890 circa

  

Edizioni Cicogna (Milano [I] 195x)

 

Antonio Cicognara (Cremona [I] 1480) Probabile autore dei tarocchi viscontei

 

Antonio Cicognara (Ferrara [I] 1790)

 

Al Cigno (Bologna [I] fine 18° )

 

Pietro Ciliberto (Sicilia (Sylvia Mann) o Napoli (Michael Dummett IPCS Journal 31-1 pag. 14) [I] 1597)

 

Lorenzo Cimador (Trieste [I] 1807)

 

Gregorio Cimi (Genova [I] via Mondallegro 14 (?) - 1903) Probabilmente operò anche a La Spezia

 

Felice Cimino (Palermo [I] 1802 ?-1838 ?) (IPCS Journal XX-1)

A. Cimino (Palermo [I] 1838 ?- 184x ?)

Gaetano Cimino (Palermo [I] 184x ? -185x ?) 

  

A. Cinque Gerente (Napoli [I] Largo dogana del sale 1863-1874)

 

Dionisio Clarizia (Salerno [I] ? )

 

G. Cnocchi (Milano [I] 189x)

 

Cocci (Firenze [I] 1890 circa-1898) Rilevò l’attività di Ferdinando Chiari

 

Giovanni Batt.a Codognato (Venezia [I] san Lio - fine 18° sec. -1802 ?)

 

Giuseppe Coletti (Lanciano (CH) e Palermo ? [I] 183x-185x)

 

Alla Colomba (marchio) (Firenze [I] 1760)

 

Colombo E. & C. o Colombo successori di Edoardo Dotti (Milano [I] via Stella 16 - 1882- ?) Rilevò la fabbrica di Dotti

 

Alla Colonna (marchio) (Roma [I] piazza Nicosia - 1613)

 

Luigi Colonna (Bari [I] fine 19° sec. - metà 20° sec.)

 

Agnolo Colorni Hebreo (Ferrara [I] 16° sec.)

   

Antonio Comastri (Bologna [I] 1° metà 18° sec.). Marchio “Al Soldato” 
Il marchio è conosciuto anche nella 2° metà del secolo, probabilmente usato da un altro fabbricante di Bologna, forse Antonio Comastris Erben (Kaplan II p. 222)

 

Grafica Comense s. r. l. (Tavernerio (CO) [I] 1979)

 

Compagnia Carte Ricordo (? [I] ? )

 

Compostella e Pinzon (Padova [I] 19° sec.)

 

Bartolomeo Conta (Trento [I] 1802-1808)

 

A. Conti & C. (Firenze [I] 188x)

 

Vedova Corband (Torino [I] via dei Mercanti 1834)

Fleury Corband (Torino [I] 1847)

 

Luigi Cordani (Milano [I] corso Romana 57 - inizi 20° sec.-193x)  

 

Alessandro Cortinovis (Bergamo [I] via XX settembre 5 - 190x)  

 

Menotti Cossu (Firenze [I] 1981)

 

Stefano Crescini (Venezia [I] inizi 19° sec.)

 

Giuseppe Crescini (Venezia [I] inizi 19° sec.). Lavorò da Giovan Battista Codognato, Giuseppe Franceschini e Girolamo Zanchi. Nel 1803 chiese di lavorare in proprio come “cartoler”, ma la sua richiesta fu respinta. 

 

A. C. Crespolani (Modena [I] 185x)

 

Tommaso Cumar (Gorizia [I] 176x-178x)  

   

 

- D -

 

Francesca Rind (Treviso [I] 1756-187x ?) Ne rilevò l’attività Francesco Prezioso. Un mazzo porta il bollo > 1883 (Francesca Rind - Litografia Tipografia Zanco)

Francesco Prezioso (Treviso [I] 187x ?-1928). Ne proseguì l’attività Teodomiro Dal Negro che aveva sposato la figlia del titolare

Fabbrica carte da giuoco Bennati & Dal Negro Succ. Prezioso di Treviso (Treviso [I] 3 maggio 1927- 19 ottobre 1929) di cui erano soci  Teodomiro Dal Negro e Enrico Bennati. Sciolta con atto notarile 19 ottobre 1929.
L'11 novembre Teodomiro dal Negro rilevò la quota di Enrico Bennati e la società divenne

Teodomiro Dal Negro (Treviso [I] 11/11/1929-oggi) La pubblicità su “La matta” (pag. 14) porta la scritta “A.D. 1756”, anno in cui Francesca Rind iniziò l’attività

A seguito della morte di Teodomiro Dal Negro l'11 agosto 1937 la società fu iscritta, il 3 giugno 1939, nel registro delle  Ditte e Società come Fabbrica Carte da Gioco - Industrie Cartotecniche Teodomiro Dal Negro  con proprietari i fratelli Ivone e Leonida Dal Negro con la madre Vieceli Teresa (informazioni di Andrea Piovesan)

Indirizzi piazza Tommasini (1929) poi via fratelli Bandiera 1 e infine via Brigata Marche. Dal 2002 ha sede a Carbonera - piazza Cavarzerani 9 (TV)

Sono noti anche mazzi con la dicitura:

Successori Prezioso e Teodomiro Dal Negro successore Prezioso

  

Angelo Dalla Casa o Dallacasa (Bologna [I] 1790-18xx). Marchio “All’Aquila”

   

Damiani (Bergamo [I] fine 19° secolo)  

 

D’Angelo (Grottamare (AP) [I] 190x)

 

Emilio Dardi (Bologna [I] borgo Casse 1305 - 187x)

 

Marziano da Tortona (Milano [I] 1415). Dipinse il mazzo detto “Tarocchi di Visconti di Modrone”

 

De Agostini o I.G.D.A. (Istituto Geografico De Agostini) (Novara [I] 1927). Editore stampò anche carte da gioco

 

Gaspare de Franceschi (Bologna [I] 1748-1784) Marchio “alla Colomba”

Giuseppe de Franceschi (Bologna [I] 1784- ? ) Marchio “alla Colomba”

Tommaso de Franceschi (Bologna [I] 1767-1793) Marchi “al Giglio” “al Soldato” e “al Sole”  

 

Domenico De Francesco Società Anonima (Bari [I] via Piccinni 28 - 1882-19xx)

 

Antonio Degrandi (Borgosesia (VC) [I] 1851)

 

Fratelli de Leonardis (Bari [I] 1895-1913)  

 

Angelo e Gaetano Dellacasa (Bologna [I] fine 18° secolo ) Marchio “all'Angelo”

 

C. Della Rocca o Dellarocca (Milano [I] 184x) Incisore, suoi mazzi vennero stampati da Gumppenberg e altri fabbricanti

 

Lelio e Petronio Della Volpe (Bologna [I] 1720-1794) stamparono “La geografia intrecciata nel gioco dei tarocchi” e per questo Lelio venne condannato dal delegato pontificio

 

Giuseppe Deluchi (Sanpierdarena (GE) [I] 1850)

 

Vittorio de Marchi successore sorelle Molino (Roccapietra o Rocca Pietra (oggi frazione di Varallo Sesia) (VC)  [I] fine 19° sec-192x)

 

Antonio de Maria (Milano [I] contrada del Bocchetto 2536 - <1811- 1818) marchio “Al Mondo”

Davide e Fratelli de Maria (Firenze [I] 18° sec.) marchio “Al Mondo”

 

Demetra (? [I] ?)

 

Demon’s (Milano [I] 197x)

 

Pietro de Santi (Milano [I] 180x) marchio “Al Moro”

 

Detriv (Costa Volpino (BG) [I] inizi 21° sec.)

 

Stefano Dian (Venezia [I] inizi 19° sec.)

 

Romano Di Giuseppe ( ? [I] 1780)

 

Lorenzo Dilorenzo (? [I] 2° metà 19° sec.) Stampò un tarocco siciliano (IPCS Journal XXV-3)

 

Marco Di Pietro (Parma [I] 179x)

 

Teodoro Dotti (Milano [I] contrada S. Paolo 947 - fabbrica contrada Passarella e poi contrada del Lauro -183x- >1862) Nato nel 1805 (Kaplan II p. 220)

F.lli Dotti (>1862-1865)

Edoardo Dotti (Milano [I] via Borghetto 16 e poi via Stella 16 (oggi via Corridoni) - 1865-1882 (Mann n. 207 1885)) Nato nel 1836 (Kaplan II p. 220) L'attività fu rilevata da Colombo E. & C.

   

Antonio Drago (Finale Ligure (SV) [I] 1822)

 

Giacomo Draghi o Drago o Jacques Dragau (Finale Ligure (SV) [I] inizi 19° sec.)

 

Franz Drasl (Bozen/Bolzano [I] 1825 ?-1835 ?)

 

Giovanni Ducato (Torino [I] Via S. Tommaso n° 15, piano 2°, vicino la chiesa - 1875)  

O. Ducato (Torino [I] Via del Gallo 5, piano 1° - 1888)

    

 

- E -

 

E. C. I. G. (Edizioni Culturali Internazionali Genova) (Genova [I] 1975)

 

L’Ecartè (Brescia [I] 198x). Ha jokers e retri simili a Jollycards

 

Giovanni Ermanno (Venezia [I] di fronte al ponte dei Dai (dadi) vicino a san Marco - 1773)

 

C. O. R. Estanovero (Genova [I] fine 18° sec.)

 

Etruria (marchio) (Firenze [I] 1801-1807) In quel periodo la Toscana divenne regno d’Etruria sotto Napoleone I

 

Europrint (Lomazzo (CO) [I] 1977)

  

 

- F -

 

Fabbrica reale di Parma (Parma [I] 179x)

 

Fabrica di Torino (Torino [I] 1737-1750 ?)

Fabrique Royale (Torino [I] 1761-1769)

Ferme Royale (Torino [I] 1761-1800 ?)  

 

Alla Fama (marchio) (Lucca [I] 18° sec.)

 

Faelli Carlo e figli (Parma (PR) [I] borgo Parente 12 - 1915)

   

Francesco Fantini (Ghemme (NO) [I] 1842-186x)

 

Francesco Fantini (Novara [I] 186x)

 

Giovanni Fantini (Novara [I] 187x)

 

Fratelli Fantini (Borgomanero (NO) [I] 185x)

 

Maddalena Peretti vedova Fantini (Borgomanero (NO) [I] 1880 ?- 1919 ?)

 

Gaetano Faraone (Palermo [I] 1827)

 

[Giovan ?] Battista Farinone (Varallo Sesia (VC) [I] 1874-1913)

 

Cinabrio Fauri (Napoli [I] vico Madonnelle 48 - 186x)

 

Domenico Felici (Firenze [I] 16° sec.) Probabilmente è quel Domenico di Zanobi di Felice cartaio “Al Fortuna” che entrò nell’albo dei cartai fiorentini il 25 agosto 1588

 

G. Battista Ferrero (Cuneo [I] 1852)

 

Giuseppe Francesco Filippi (Rovereto (TN) [I] 1805 ?-1855 ?) Probabilmente la ditta fu gestita anche dal figlio senza variare la ragione sociale

 

Guglielmo Finazzer (Gorizia e Trieste [I] 1856-190x)

 

Finazzer, Padda e C. (Trieste [I] 1875) Finazzer poi si mise in proprio come

Fabbrica la Fiducia (Trieste [I] 188x) Proprietario Guglielmo Finazzer

 

Carlo Finetto (Verona [I] Chiavica n. 1089 - <1866)

Nipoti di Carlo Finetto (Verona [I] - 188x)

 

Enea Flora (Broni (PV) [I] fine 19° sec.)

  

Fittignani (Ravenna [I] 1825)

 

Gesualdo Fofi (Foligno (PG) [I] 18° sec.)

 

Bernardo Fortone (Torino [I] 1844)

 

Fortuna (marchio) (Palermo [I] 1820)

 

Fabbrica Fortuna (Napoli [I] 19° sec.)

 

Bartolomeo Foschieri (Bologna [I] 1776)

 

Antonio Franceschini (Venezia [I] san Giminiano vicino a san Marco - 1754)

 

Giuseppe Franceschini (Venezia [I] salizada san Pantalon 4356 - fine 18° sec.-1808)

 

Andrea Franchini (Modena [I] 185x)

 

Agostino Francia (Firenze [I] 1806) Marchio “Al Poverino” e “Etruria”

 

Mimmo Francia (Modena [I] 197x)

   

Francia & Agostini (Firenze ? [I] 177x)  

 

Francia & Baragioli (Firenze [I] 1790) Marchio “Al sorte”

 

Dominicus Francisci da Padua (Firenze [I] 1531- ?)

 

F. Franco (Torino [I] 160x-1634)

 

Franceso Franco (Roma [I] deposito via del Pantheon 6 - 1883)

 

C. Frizzo (Vicenza [I] 186x)

   

 

- G -

 

G. M. (Bologna [I] 19° sec.)

 

Litografica Gaddi (Modena [I] 1824)

 

Gaetano (Bologna [I] 1763) Marchio “All’Aquila”  

 

Marca Gallo (? [I] 194x) Stampò carte per ragazzi

 

Giovanni Gardino (Torino [I] via Bertola 9 - 186x-187x)

  

Gaspare da Besana (Milano [I] 1508) In questa data scambiava matrici delle carte con Paulinus da Casteleto

 

Geistinger (Trieste [I] ? )

 

Gentilini & Zoya (Milano [I] piazza S. Sepolcro 3174 - 178x- 1818) marchio “Al Mondo” Sulle carte appare spesso la sigla “G. Z. E. P. G. F. DI MILANO

  

G. Gerlin (Venezia [I] S. Angelo 3572/a - 198x)

 

Gervasi Fratelli ( ? [I] ? )

 

Antonio Gervasio (Milano [I] 1885)

Pier Leone Ghezzi (Roma [I] ?) Nacque nel 1674 e morì nel 1755. Fu noto caricaturista e pittore, oltre che disegnatore e fabbricante di carte

 

Ghira (Bologna [I] 170x)

 

Francesco Gaetano Ghirardi (Bologna [I] 18° secolo) Marchio “Al Mondo”

 

Andrea Ghisi (Venezia [I] 17° sec.)

 

Giocas s.a.s. (Bologna [I] 198x)

 

Goldoni, Simonazzi e Ostioni (Modena [I] 185x)

 

Giovanni Gottardi (Bologna [I] 1753-1768) Marchio “Girasole”

 

Grandi & C. (Torino [I] corso regina Margherita 194 - 1885-1908)

 

Alessandro Grandi (Bologna [I] borgo Casse 1305 - via Canonica 1210 - 1862 ?-1895 ?) Marchio “Alla follia”

 

Felice Gregori (Foligno (PG) [I] 1805)

 

Giovanbattista Guala (Ghemme (NO) [I] 183x-186x)

 

Cartotecniche riunite Guardincerri (Milano [I] 1945)

Vincenzo Guidotti (Lucca [I] 1849-1862). Continuò l’attività il figlio Antonio

 

Ferdinando Gumppenberg (Milano [I] corsia del Giardino 1814-1846 o 1847) nato il 3 gennaio 1788 a München in Baviera, dove lavorò dal 1805 al 1809 presso un fabbricante di carte, probabilmente Göbl
Nel
1809, la Regia Fabbrica di carte da gioco del demanio venne trasferita da Vaprio (Mi) a Milano, nel Locale del Giardino presso la Scala, e gliene fu affidata la direzione. La Regia Fabbrica verrà chiusa nel 1814 e Gumppenberg gestirà la sua attività negli stessi locali. 
Nel 1846 o 47 lascia l’attività cedendola al genero Lattanzio Lamperti. Morirà nel 1855.
Dal 1818 possiede un’altra fabbrica a Milano, che porta il nome di Felice Rossi che ne era direttore o amministratore.

 

Grafiche Gutenberg (Bergamo [I] 1974) Ha  ristampato mazzi antichi

  

 

- H -

 

M. Agnolo Hebreo (Bologna [I] ? 16° sec.)  

 

 

- I -

 

I. B. I. S. (Palermo [I] piazza stazione Centrale 16 - 193x)

 

Fabbrica di Iddio ( ? [I] 1682)

 

Illyria (Gorizia [I] 18° sec.)

 

Incas ( ? [I] 198x)

 

Introna (Bari [I] fine 19° sec. - inizi 20° sec.)

 

Istituto Editoriale Italiano (Milano [I] ?)

 

Istituto Italiano d’Arti Grafiche (Bergamo [I] 193x-194x)

 

Italcards s. r. l. o Fotometalgrafica Emiliana S.p.A. (Bologna [I] 1975-199x Marchio "Mondial"

 

L’Italiana A. C. Carte di Alpiani O. e Cavallini E. (Crema (CR) [I] 196x). Fu la Masenghini a stampare le loro carte (fonte Adriano Lombardini)

  

 

- J -

 

Joking (Firenze [I] via della Massa 8 - 1989)

 

Jollycards (Genova [I] 198x) jokers e retri simili a l’Ecarté 

 

Cesare Jona (o Iona) (Torino [I] 190x-193x) deposito via Palazzo di città 2 fabbrica via s. Giobbe 2 bis e via Fiocchetto 14 - Fu anche concessionario per il Piemonte della Masenghini

   

 

- K -

 

Kalòs s.r.l. (Arcene (BG) [I] 199x)

  

 

- L -

 

Aniello Lamberti (Firenze [I] 1779)

 

Lattanzio Lamperti (Milano [I] contrada del Rovello 2303 - 1847-186x) Rilevò l’attività del suocero Ferdinando Gumppenberg

Pietro Negri o Pietro Negri - Eredi Lamperti (Milano [I] corso Magenta 34 - 186x-1885)

Bordoni & Borgonovo poi Bordoni & Raineri (citato anche come Raineri Bordoni) (Milano [I] corso Magenta 34 - 1885-1896)  

  

Michele Landi (Firenze [I] 162x ?)

 

Giuseppe Lando (Torino [I] 1760)

 

Antonia Lando (Torino [I] 1838)

 

Pandolfo Landolfo (Padova [I] 1897)

 

Giovanni Landuzzi (Bologna [I] 182x)

 

Francesco Lanzetta (Napoli [I] via Barrettari al Mercato 39 - piazza Mercato 134 (1885) - 188x-189x)

 

Paolo Laranca (Agnone (IS) [I] 1850-1851)

 

Al Leone (Bologna e/o Milano [I] 18° sec.)

 

Caterina Raftopulo Liparacchi (Venezia [I] 1834-1838) L’attività fu proseguita dal marito Luca Liparacchi

Luca Liparacchi (Venezia [I] Sestiere del Castello - 1838-1843) Proseguì l’attività della moglie Caterina Raftopulo Liparacchi. Nel 1843 si trasferì in provincia di Treviso

 

Litografia Camerale (Modena [I] 183x)

 

Giovanni Antonio Lordschneider (Trieste [I] 183x-1856)

 

Giacomo Lorenzi (Bologna [I] 1728)

 

Michele Lucchese (Lucca [I] poi Roma ?-1556)

 

Giuseppe Lucchesini (Bologna [I] 1787)

 

Giovan Battista Lucchini o Luchini (Venezia [I] <1804-1841) Sestiere Dorsoduro poi san Polo - Campo santa Margherita 3817 o 3887. Nel 1804 era Capo Colonello dei Cartoleri e morì nel 1841

 

 

- M -

 

M. A. R. C. (Trieste [I] 198x) Altro nome della Modiano ?

 

M. R. C. D. (? [I] 198x) Altro nome della Modiano ?

 

M. R. C. P. (? [I] 197x)

 

Maggio & C. (Torino [I] 190x)

 

G. Battista Magnani (Voltri (GE) [I] 185x)

 

Domenico Malacarne & Giovanni Ferrero (Torino [I] via Monte di Pietà 7 - 1875)

 

Carlo Malini (Bologna [I] 1672)

 

F. Mambrini (Modena [I] inizi 19° sec.)

 

Vincenzo Manzi (Benevento [I] 187x)

 

Francesco Marchesani (Rovereto [I] 1790 ?)

Luigi Marchesani (Rovereto [I] 1811-1835 ?) Figlio di Francesco Marchesani

 

Pietro Marchesini (Bologna [I] via Olanda 1147 presso S. Babanziano - 187x - 188x)

 

Antonio Marchionni (Firenze [I] 2° metà 17° sec.)

 

Giovanni Battista Marcovich o Marcovicii (Trieste [I] 183x-187x) Fu probabilmente il primo fabbricante del mazzo triestine

 

Guglielmo Marengo e soci (Torino [I] 182x-1826) Nel 1826 ne uscirono 2 soci, Giorgio e Stefano Vergnano e la ditta divenne Guglielmo Marengo

 

Litografia Mari (Firenze [I] 189x)

 

Gabriele Mari detto Gasparo (Bologna [I] 171x - 177x)

 

Marisi (Firenze [I] 186x) Marchio “Alla Colomba”

 

Angelo Marisi (Bologna [I] 173x-177x) Marchio “Alla Colomba”

 

Raphael Marsiglio (Trieste [I] 175x-177x) Nel 1759 ebbe da Maria Teresa d'Austria il monopolio per la fabbricazione delle carte da gioco in tutto il litorale adriatico.

 

Lorenzo Martelli (Bologna [I] 173x-174x)

 

P. Marzari (Schio (VI) [I] 195x-197x)

 

Margherita Masci (Venezia [I] inizi 19° sec.)

 

Pietro Masenghini (Bergamo [I] 1876-1918) Nel 1876 era in contrada Cologno diventata poi (193x ?) via Giacomo Quarenghi 23, e poi in via G. B. Moroni 198-200

Masenghini di R. Lombardini & figlio (Bergamo [I] via dei Mille 10 - 1918- ? ) La ditta fu acquisita da Romolo Lombardini, alla cui morte (nel 192x) la fabbrica fu gestita dalla vedova Maria Carini e dai figli Adriano e Scipione.

Masenghini di R. Lombardini (Bergamo [I] 1944-5 e 197x-1985)

Masenghini s. n. c. (Bergamo [I] 1985- 15 dicembre 2003) I fratelli Lombardini cedono la gestione a Guido Resta che ne diviene amministratore unico. Nel 2003 la cessione alla Jolly Joker di Carbonera (Treviso), società controllata al 100% dalla Teodomiro Dal Negro
 
Nel 1945 furono stampati mazzi recanti solo la sigla
F. C. G. L. B. (Fabbrica carte da gioco Lombardini - Bergamo) (libro Biani pag. 100)  

 

M. Matteo e Laurenzo Propagine (Roma ? [I] 18° sec.) Marchio “Alla Guglia"

 

Raffaele Mazzetti (Bologna [I] 184x)

M. Melotti ( ? [I] 1875)

  

Il Meneghello di Osvaldo Menegazzi (Milano [I] via gen. Fara - 1975-200x) Nel 1971 si chiamava Studio Tratto

 

Gaetano Mengotti (Venezia [I] ?)

Bartolomeo Mengotti (Venezia [I] SS. Apostoli 5617 sestiere di san Polo - 1843- ?) Figlio di Gaetano Mengotti; produsse mazzi con incarto che recava scritte in spagnolo, evidentemente per l’esportazione

 

Bartolomeo Mengotti (Trieste [I] 1813-1858)

 

Ariodante Mengotti (Trieste [I] Corso 21 - 1811-190x) (IPCS Journal 31-3 pag. 100)

 

Virgilio e Romeo Mengotti (Gorizia [I] 1861-1880)

 

Fratelli Merli (Ascoli [I] 180x)

 

Al Meschino (Firenze o Bologna ? [I] fine 18° sec.)

 

A. Migliarese (Milano [I] via Camperio 10 - 195x-196x) Produceva carte in plastica

 

Milano Libri (Milano [I] 197x)

 

La Milano (Milano [I] via Pietro Maroncelli 13 - 197x-200x)

 

Bortolo Milesi (Bologna [I] 1728)

 

Paolo Milesi (Bergamo [I] 1823-1843 o  1825-1840) Marchio “Al Mondo”

 

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna [I] 1664-1690) Nato nel 1634 morì nel 1718, fu un famoso incisore e disegnò anche carte da gioco

 

Moda 90 s. n. c. (Trieste [I] 198x) Altro nome della Modiano ?

 

Saul D. Modiano o S. D. Modiano (Trieste [I]  1868-1948 ?)  Fondata da Saul David Modan (1834-1922) o come fabbrica di cartine per sigarette dal 1884 cominciò la produzione di carte da gioco. 
Ebbe anche una fabbrica a Fiume (oggi Rijeka - Istria [HR]) agli inizi del 20° secolo

S. D. Modiano società in accomandita (Trieste [I]  193x)

Modiano S. A. I. C. (Società Anonima Industrie Cartotecniche) (Trieste [I] 1941 ?-1954 ?)

Modiano S. p. A. (Trieste [I] 1951 ?-1987)

Nel 1987 viene acquisita dalla Grafad (WOPC Club bridge) che negli anni 2000 usa con il nome Modiano il marchio Triplex. Sede a san Dorligo della Valle

  

I Molinelli furono sia cartai che concessionari del bollo in Toscana

Santi Molinelli detto il Perugino (Firenze [I] 1654-1656 ?) Aveva la concessione dei bolli dal 1654 al 1659, ma la perse non potendo pagare la tassa e fu imprigionato per debiti dal 7 agosto 1655 al 15 gennaio 1656.

Giovanni Domenico Molinelli (Firenze [I] 1677-1680 ?) Figlio di Santi Molinelli

Giovanni Francesco Molinelli (Firenze [I] 1696-1720 ?) Figlio di Santi Molinelli

Anton Giuseppe Molinelli (Firenze [I] 1720-1731) Figlio di Giovanni Francesco Molinelli

Giovanni Domenico Molinelli (Firenze [I] 1731-1751) Figlio di Giovanni Francesco Molinelli

Giovanni Francesco Gastone Molinelli (Firenze [I] 173x) Figlio di Anton Giuseppe Molinelli

Pietro Xaverio Molinelli (Firenze [I] 173x) Figlio di Anton Giuseppe Molinelli

Pietro Molinelli (Firenze [I] 1751-1804) Figlio di Pietro Xaverio Molinelli  

  

Sorelle Molino (Roccapietra o Rocca Pietra (oggi frazione di Varallo Sesia) (VC) [I] fine 19° sec.) Divenne poi

Vittorio de Marchi successore sorelle Molino (Roccapietra o Rocca Pietra (oggi frazione di Varallo Sesia) (VC)  [I] fine 19° sec-192x)

   

Antonio Monasta (Sicilia ? [I] fine 17°-inizi 18° sec.) Marchio “Il leon”

 

Mondial (Bologna [I] 1990) Marchio di Italcards

 

Al Mondo (marchio) (Bologna [I] 18°-19° sec.) Lo stesso marchio è stato utilizzato in altre città, tra cui Milano e Bergamo, da fabbricanti diversi

 

Giro o Girobaldi Montalenti (Torino [I] 184x-186x)

 

Luigi Montanari (Bologna [I] 1862)

 

Giovanni Montaudo (Torino [I] via Bertola 8 - 188x-189x)

 

Gaetano Montecchi (Parma [I] al Leon d'oro n 8 - 182x-185x)

 

Pietro Monticelli e Comp. (Venezia [I] san Paterniano 8502 - 183x) Negli archivi della repubblica di Venezia esemplari dei suoi mazzi sono allegati ai fogli di Giovanni Spangher

 

Cesare Monticone (Torino [I] via Torquato Tasso 188x-191x)

 

Luigi Montieri (Bologna [I] 1725)

 

Antonio Moro (Venezia [I] sestiere di san Polo - 1841-1850)

 

Stabilimento Grafico Morreale (Milano [I] 194x ?- >1954 ?)

Morreale S. p. A. (Milano [I] 1954 ?- 1974 ?) Rilevò l’attività di Giuseppe Beghi (Vito Arienti 27/10/98 - MGM XVII 333 bollo repubblica di Salò)

 

Domenico Moscatelli (Viterbo [I] -184x-1850)

Scipione Moscatelli (Viterbo [I] 1850-1953) Figlio di Domenico Moscatelli proseguì l'attività alla morte del padre.
Ideò il disegno del mazzo di Viterbo. Ritiratosi Scipione il figlio Nicola diede in gestione l’attività a Guglielmo Murari di Bari.
Seguì una causa risolta infine nel 1914 con la liquidazione di Murari e la cessione (31 ottobre 1914)
di attrezzatura e nome ai tipografi Enrico e Giulio Agnesotti, che si assunsero l’impegno di mantenere il nome originario della fabbrica.
La fabbrica era in via Principessa Margherita, oggi via Matteotti.
La produzione di carte cessò nel 1953 (Mann p. 27)

  

Moscheni e Finazzer (Trieste [I] 1865 )  

 

Michelangelo Mossi ( ? [I] ? )  

 

Mulino Bianco ( ? [I] 198x) Fabbrica di dolciumi fece stampare mazzi di carte per bambini da inserire come regalo nei prodotti

 

Pasquale Muntuori (Napoli [I] Sopportico Tollacchio ai Mercanti n° 7 - 1862)

 

Francesco Cassini (Vicenza [I] 2° metà 18° sec.-1840) Era l’unica fabbrica di carte in quel periodo nelle province venete (Le carte baresi pag. 41). Sua figlia Maria Caterina sposò Luigi Murari

Luigi Murari (Vicenza [I] 1840-16 gennaio 1871) Nativo di S. Germano (VI), dopo aver ereditato la fabbrica del suocero, lavorò nella fabbrica di Luca Liparacchi a Venezia nel 1842 e si trasferì successivamente a Riva di Trento, Treviso, Bari (nel 1867; il 16 gennaio 1871 lasciò la fabbrica al figlio che ne aveva già preso la direzione nel 1866) e infine Acireale (CT) dove produsse ancora carte e morì il 24 luglio 1888 (Mann n. 9 e 217 - Le carte baresi - La manifattura delle carte da gioco di Guglielmo Munari)

Guglielmo Murari (Bari [I] 16 gennaio 1871-1929). Indirizzi conosciuti via Sparano 127-129, angolo piazza Ateneo 6-10 (1867-1880) - via Cavour 115-121 casa propria (1890)  - via Cavour 196-204 angolo via Zuppetta (1880->1917 - 3.000 mq.) - via Valenzano vecchia 41-43c (1905-1929 - 13.000 mq.) (IPCS Journal  XXV-3 - Le carte baresi pag. 42-43) - Roma via Urbana 56 (succursale per la fabbrica delle carte viterbesi; attività durata probabilmente un solo anno).
La ditta smise la produzione il 30 giugno 1928 e qualsiasi attività, compresa la vendita delle carte, il 15 marzo 1929 (La manifattura di carte da gioco Guglielmo Murari pag. 17).
Nacque a Treviso il 20 maggio 1847 e morì il 2 marzo 1937. Divenne cavaliere della Corona d’Italia (3 giugno 1895), cavaliere al merito del Lavoro (5 gennaio 1911) e infine commendatore (20 settembre 1922). I titoli sono puntualmente riportati sui mazzi di carte e perciò possono aiutare nella datazione di un mazzo.
È suo il disegno attuale delle carte napoletane (Le carte baresi pag. 5 e segg.). Aprì una succursale a Roma (via Urbana 56) dove fabbricava le carte Viterbesi. Arrivò a stampare fino a 2 milioni di mazzi all’anno

Murari di Vitulli-Colucci (Bari [I] 1929-1940). Pietro Vitulli e Francesco Colucci rilevarono l’attività di Murari con atto notarile il 12 dicembre 1928 (La manifattura di carte da gioco Guglielmo Murari pag. 17) con la facoltà di utilizzarne in esclusiva il nome. 

  

F. Mutinelli (Brescia [I] 1904)  

  

 

- N -

 

La Nuova Tipografica Taloro snc ( ? [I] 200x)

 

N. T. P. Nuove Tecniche di Plastificazione (Milano [I] via Tirso 3 - 199x-2004) Acquisita da Dal Negro

 

Nannina (Milano [I] 1935-197x ?) Marchio “Vesuvio”. Probabilmente limitò la sua produzione a mazzi di carte per bambini

 

Germano Natali (Bologna [I] nelle Spaderie - 172x-1852) Marchio “Al Cigno”

 

Pietro Negri o Pietro Negri - Eredi Lamperti (Milano [I] corso Magenta 34 - 186x-1885)

 

Lorenzo Neri (Firenze [I] 162x-164x ?)

   

Pietro Neuri (Milano [I] 187x)

 

Domenico Nobili (Palermo [I] 1827)

 

Francesco Paolo Nobili (Palermo [I] 1827)

 

Nicola Novaro (Oneglia (IM) [I] 1835)

 

Nuova fabbrica dell’appalto (Bologna [I] 179x)

  

  

- O -

 

Alessandro Oletti (Torino [I] 1837-1882)

L. Oletti (Torino [I] via Mercanti 14 - 188x)

 

Oletto (Torino [I] contrada del Gallo 1 - 186x-187x)

 

Coniugi Onori (Foligno (PG) [I] 1815)

 

Orfeo (marchio) (Lucca ? [I] 17°-18° sec.)

 

Giuseppe Ottone (Serravalle Sesia (VC) [I] 1736)

  

 

- P -

 

Francesco Padovani (Firenze [I] 30 aprile 1558- ?). Discende forse da Dominicus Francisci da Padua

Antonio Padovani (Firenze [I] 16 dicembre 1573- ?) Figlio di Francesco Padovani

Francesco e Domenico Padovani (Firenze [I] 3 gennaio 1609- ?) Figli di Antonio Padovani  

  

Giovanni Vincenzo Pagliano (Casale Monferrato (AL) [I] 12 novembre 1860- ?) Rilevò l’attività di Serafino Batetta

 

Cosimo Pagonazzi (Firenze [I] 162x)

Francesco Pagonazzi (Firenze [I] 163x)

Jacopo Pagonazzi (Firenze [I] 164x) Figlio di Francesco Pagonazzi, fu concessionario del bollo in Toscana (1641-1646)  

  

Giovanni Palazzi (Venezia [I] 1681)

 

Antonio Pandiani (Bergamo [I] 187x)

 

Panella (Parma [I] 180x)

 

S. A. Arti grafiche Panetto & Petrelli (Spoleto [I] 1951)

 

Gio. Panichi (Firenze [I] fine 18°-inizi 19° sec.)

 

Paragone (marchio) (Firenze [I] 3° quarto del 18° sec.)

 

Gioanni Pareti (Balmuccia (VC) [I] 1852)

 

S. A. Parini Vanoni & C. o S. A. P. V. (Milano [I] via Bezzecca 5 (stesso indirizzo di Beghi) - 194x-195x)
Romano Biani ha una confezione, acquistata sigillata, con scatola Parini & Vanoni e carte di Beghi

 

E. Passero (Udine [I] 1900 ?)

 

Concetta Patanè (Acicatena (CT) [I] 192x) Madre di Concetta Campione

 

Paulinus da Casteleto (Milano [I] presso santa Tecla - 1494-1513). Socio di Bartolomeo Pozzobonelli, nel 1494 aveva già una bottega avviata di carte da gioco. Nel 1508 scambiava matrici di carte con Gaspare da Besana

 

Litografia G. Payer (Firenze [I] 185x)

 

Francesco Pellarini (San Daniele del Friuli [I] 1929)

 

Daniele Pelloni (Modena [I] 1840)

 

Pesce (Bari [I] fine 19° sec.-inizi 20° sec.)

 

Paolo Petrini (Napoli [I] 1725)

 

Pheljna Edizioni d’Arte e Suggestione (Torino [I] 198x)

 

Ermenegildo Piantini (Ancona [I] 181x)

Giuseppe Picotti (Venezia [I] 180x) Nel 1804 chiese di lavorare in proprio come “cartoler”, ma fu respinto; successivamente riuscì ad iniziare l’attività

 

Alessandro Piergiovanni (Firenze [I] 162x ?)

 

Pignalosa (Mann n. 51)  

Luigi

1870 ?-1894 ? 

strada Mercanti al Cerriglio o Cerriglio ai Mercanti 7 

Eduardo

1898- ?

Ed. di Luigi 1923
Raff. fu Luigi 1895 angolo san Tommaso d'Aquino 55

R. e G. di Luigi

1892-1905 ?

angolo san Tommaso d'Aquino 55

Raffaele

1905 ?-1924 ?

p.za Tribunali 46

Figlio di Luigi Pignalosa

Raf. fu Luigi

1928

piazzetta Tagliavia 34

Cartorama XXXII 415 (1943-45)  

Raf. e figli

1924 ?-1944 ?

p.za Tribunali 46

Edoardo

1933 ?-1979

Rampe Brancaccio 75, 76 e 76-77

Figlio di Luigi Pignalosa (Mann n.64)

Marchio Aquila sotto il fascismo con la M di Mussolini e il fascio littorio. Successivamente questi attributi sparirono

L’ultimo mazzo conosciuto di Edoardo è del 1978, quando per la fabbricazione delle carte erano rimasti il titolare, che morì l’anno dopo, e un’anziana signora come lavorante (Mann n. 64). 

 

Pineider (Firenze [I] 1882)

 

Giuseppe Pirotta (Milano [I] 181x)

 

Ferdinando e Costantino Pisarri (Bologna [I] 1758)

 

Plastic Cards (Settimo Milanese [I] viale Certosa 26 (uffici) via E. Fermi 36 (stabilimento) - 196x-198x) Marchio "Medusa"

 

A. Poli (Firenze [I] 189x)

   

Poliprint (Rozzano (MI) [I] 1979)

Piero Ponzini (Como [I] 1924) Produsse carte in celluloide, stampate in litografia

 

G. Portigiani & C. (Colle val d’Elsa (SI) [I] 1912)

 

Al Poverino (marchio) (Firenze [I] 1650 ?) Il marchio venne utilizzato, nel 19° secolo, anche da Agostino Francia

 

Al Poverone (marchio) (Bologna [I] 18° sec.)

 

G. Pozzi (Modena [I] 1890)

 

Bartolomeo Pozzobonelli (Milano [I] 151x). Socio di Paulinus da Casteleto  

 

Progetti Promozionali S.p.A. (Torino [I] 20xx). Le carte sono stampate in Cina

 

Pre Art (Milano [I] via Larga 11 - 1979)

 

Francesco Prezioso (Treviso [I] 187x ?-1928) Rilevò l’attività di Francesca Rind e lasciò la sua attività al genero Teodomiro Dal Negro

 

Filippo Primodi (Bologna [I] 1759)

 

Gaetano Provasi (Bologna [I] via Galliera 567 o 507 - 186x) Marchio “Alla Fortuna”

Carlo Provasi (Bologna [I] fine 18° sec.) Marchi “Alla Fortuna” e “All’Imperador”

 

Carlo Provasi (Bologna [I] 1870 ?)

  

 

- Q -

 

 

 

- R -

 

R. M. (Trieste [I] 1790) Marchio “Alla Fortuna”

 

Angelo Ramini (Bologna [I] 1784)  

 

Antica fabbrica di carte da giuoco Rampini Bennati società in nome collettivo (Treviso [I] 28 aprile 1910 - 1 ottobre 1929) di Ettore Rampini e Enrico Bennati. Alla morte di Ettore Rampini la sua quota passò alla madre Antonietta Bussovich che il 3 maggio 1927 cedette la sua quota a Teodomiro Dal Negro e la società divenne

Fabbrica carte da giuoco Bennati & Dal Negro Succ. Prezioso di Treviso (Treviso [I] 3 maggio 1927- 19 ottobre 1929) di cui erano soci  Teodomiro Dal Negro e Enrico Bennati. Sciolta con atto notarile 19 ottobre 1929.
L'11 novembre Teodomiro dal Negro rilevò la quota di Enrico Bennati e la società venne incorporata nella Teodomiro Dal Negro

 

C. Ravenna e fratelli  (Ferrara [I] 1883)

 

Angela Gaia Ravasca (Torino [I] 5 aprile 1860- ?) Rilevò l’attività di Francesco Sbodio

 

Real Fabrica de fogli a contorno (Napoli [I] largo Dogana del Sale - 1840 ?-185x). Non si conosce il nome del proprietario (forse Giovanni P. R. (retro Spielkarten pag. 54) di questa fabbrica, un monopolio statale che stampò carte per Spagna e Austria (Mann pag. 28)

 

Giacomo Recchi (Oneglia (IM) [I] 182x)

 

Regia Fabbrica di Milano (Vaprio (MI) - 1805-1809 e Milano [I] loc. del Giardino c/o Teatro della Scala - 1809-1814). Diretta dal 1809 da Ferdinando Gumppenberg

 

Remondini (Bassano del Grappa (VI) [I] 175x) Specializzato in stampe popolari stampò anche carte da gioco

 

Lorenzo Remorino (Sanpierdarena (GE) [I] 1835)

 

Alfred Rethel (Roma [I] 185x)

 

Angelo Riboldi (Milano [I] contrada del Bocchetto 2540 - 184x-1865)

 

Francesca Rind (Treviso [I] 1756-1875 ?) L’attività fu rilevata da Francesco Prezioso e successivamente passò a Teodomiro Dal Negro, che sposò la figlia del titolare

 

Raimondo Riso (Napoli [I] Via Salvator Rosa n° 13 - ? )

 

Cesare Riva (Vercelli [I] 183x)

Vedova Riva e figlia (Vercelli [I] 184x) Vedova di Cesare Riva

Maria Giuseppa Riva (Vercelli [I] 1850) Figlia di Cesare Riva?  

  

Ottavio Riva Salvotti (Torino [I] 1870 ?)

 

Risorto Romualdo (Venezia [I] san Cassiano sestiere san Polo poi in calle Giovanelli, sant’Eustachio 1962 - 1833-1839)

 

Francesco Rosselli (Firenze [I] 152x)

 

Antonio Rossi (Alessandria [I] 187x)

 

Claudio Rossi (Bologna [I] 171x-172x)

 

Domenico Rossi (Asti [I] 1852)

 

Francesco Rossi (Firenze [I] 19° sec.)

 

Giovanni Rossi (Torino [I] 1847)

 

Giuseppe Rossi (Torino [I] 1850)

 

Giuseppe Felice Rossi (Milano [I] inizi 19° sec.)

 

Giacomo Rotta (Varallo Sesia (VC) [I] 1849)

 

Armando Roversi-Ala (Roma [I] 1923)

 

Marco Rubelli (Venezia [I] sestiere di san Polo - san Cassiano 1602 - 1844 ?-1848). Rilevò l’attività di Elisabetta Casert Bottari e la cedette ad Acarlo Anelli

 

Antonio Rubio (Trieste [I] 180x-184x)

 

Vittore (?) Ruggeri (Roma [I] via Chiavari 71 - 192x)

 

Vincenzo Russo (Napoli [I] Vico S. Anna a Capuana 9 - 188x)

    

 

- S -

 

S. I. A. C. A. Arti Grafiche s. r. l. (Cento (FE) [I] 197x)

 

Stefano Sacchi (Milano [I] contrada dei Ratti 3106 - <1811- 1818). Le carte venivano stampate nella Regia Fabbrica di carte da gioco di Vaprio (MI) trasferita poi a Milano

 

Gaetano Saccone (Finale Ligure (SV) [I] 1822)

 

Paolo Saccone (Finale Ligure (SV) [I] 1822)

 

SAGDOS Officine grafiche (Milano [I] Via Esterle 11 - 1945)

 

Salemi (Milano [I] via Piranesi 35 - 199x)

 

Salvadori (Venezia [I] 19 settembre-21 luglio 1873) L'attivitàfu ceduta alla Fratelli Bonzio de' Reatti & C. s.n.c. di cui Salvadori fu socio.

 

Alessandro Salvandi (Bologna [I] 1488)

 

Cassini Salvotti (Vicenza  [I] 1785) La pubblicità su “La matta” (pag. 156) riporta la dicitura “Già della antica casa Cassini-Salvotti fondata nel 1785”

 

Gaetano Salvotti (Vicenza [I] sul Corso - metà 19° sec.) Secondo Hargrave sue sono le prime carte conosciute a figure speculari, conservate nel museo di Hal a Bruxelles (C.P. Hargrave p. 245). Visto il periodo di attività del fabbricante, ritengo che 1602, che Hargrave ritiene la data di fabbricazione, si riferisca ad altro, magari a un numero civico.

 

Ottavio Salvotti (Riva del Garda TN [I] 1856-1886) Alla sua morte la vedova gestì un negozio, probabilmente solo per la vendita e non per la stampa delle carte

 

C. Sandini (Vicenza [I] 1890)

 

Santamaria (Milano [I] 188x)

 

S. Santilli (Grottammare (Ascoli Piceno) [I] 1926)

   

Clemente Maria Sassi (Bologna [I] 173x) Stampatore Camerale successore di Benacci

 

Savio e Cortinovis (Bergamo [I] via Prato 5 - ?)

 

Francesco Sbodio (Torino [I] 1830-1860) Cedette dal 24 aprile 1838 al 1840 l’attività a Alessandro Viassone (che porta 1830 come anno di fondazione). Nel 1857 riprese a fabbricare carte e il 5 aprile 1860 cedette definitivamente l’attività a Angela Gaia Ravasca

 

Lo Scarabeo s. r. l. (Torino [I] Corso Svizzera 31 - 199x) Proprietario Pietro Alligo

 

Rinaldo Scatone (Roma [I] 1640) Marchio “Allo Spagnoleto”

 

Michele Scoppio (Bari [I] ? )

 

Giovanni Battista Siccardi (Finale Ligure (SV) [I] 1822)

 

Giuseppe Sironi (Milano [I] via S. Vincenzo 5 - 1865 - >1883)

 

Smorti & C. (Firenze [I] 1879)

 

Soitta (Torino [I] 181x)

 

Solari (Como [I] ? )

    

La famiglia Solesio di Finale Ligure (SV) e  Genova in Italia, Madrid e Macharaviaya in Spagna e Lisboa in Portogallo, discende da Giovanni Battista Solesio, nato nel 1634. 
Usò come marchio un caduceo incrociato con un’ancora e un sole raggiato, posto nello stemma per assonanza con il cognome. 

Hermanos Solesy ( ? [SP]) Erano i fratelli Laurentio (1660- ?) e Pedro Francisco (1656- ?), figli di Giovanni Battista Solesio

Félix Finarius Solesio (Madrid [SP] 1774-1799) Nato nel 1739 morì nel 1806, era fratello minore di Lorenzo Maria Solesio. Arrivò in Spagna nel 1761 proveniente da Finale Ligure, cittadina che era stata venduta alla Spagna nel 1598 come porta sul mare del ducato di Milano, allora sotto il dominio spagnolo. Gestì la Real Fábrica de Macharaviaya, in provincia di Malaga dal 1776, ma nella Real Cédula in cui si istituiva il monopolio e la fabbrica si fa riferimento a una sua esperienza precedente nel settore. Nel 1791 fu chiamato a gestire la Real Fábrica de Madrid. 
Finarius è probabilmente l’aggettivo che indica la provenienza da Finale. Conosciuto a Finale anche come Zollesio e in Spagna come Solecio (motto ATODOS ALUMBRA, copiato poi da molti fabbricanti, prima spagnoli e poi belgi (La Sota 19) (IPCS Journal  XXI-4 p. 119)

Lorenzo Maria Solesio (Lisboa [P] 2° metà 18° sec.) Nato nel 1736 a Finale Ligure, era fratello maggiore di Félix Solesio e figlio di Pablo Francisco, figlio a sua volta di Laurentio. In Portogallo fece il suo apprendistato presso Manuel Manescal de Costa e fu da lui portato a lavorare alla Impressäo Regia come incisore dal 1769 al 1781.  

Antonio Maria Celesio Burriagia ha legami con la famiglia Solesio ?  

Félix Solesio e Hijos (Madrid e Macharaviaya - Malaga [SP] 1792-1802) Nel 1792 Félix Solesio accomunò i figli Leonardo (?-1810), Félix Maria (?-23 agosto 1808) e Carlos Félix (?-1803) alla gestione della Real Fábrica de Macharaviaya e di Madrid

Nicolás Solesio (Madrid [SP] 1809-1811) Figlio di Félix Maria Solesio gestì con il cognato Braulio Hernández la Real Fábrica de Macharaviaya; morì nel 1811

Josepho Maria Solesio (Finale Ligure (SV) o Finalmarina [I] 1774 ? -1777) Nato nel 1703 e morto nel 1777 è figlio di Pedro Francisco

Fratelli Solesi (Genova [I] 1774- ?) Erano i fratelli Pedro Maria (1736-1805) e Caietano (1734- ?) Solesio, figli di Josepho Maria. Marchio stella a sei punte con iniziali F S F (Fratelli Solesi Finale o fecerunt ?)

Hermanos Solesio (Genova [I] inizi 18° sec.) Erano Pedro Maria e Caietano o Giuseppe Michele Antonio e Francesco Gaetano ?

Fratelli Giuseppe e Francesco Solesio (Genova ? [I] ? - 1833 ?) Giuseppe Michele Antonio (1778- ?) e Francesco Gaetano Solesio (1788- ?) erano figli di Pietro Maria Solesio

V. F. Solesio (Genova [I]  fine 18° sec.-1815 ?) Vedova e Francesco Solesio. La vedova di Giuseppe Michele Antonio, Teresa Cademartori, proseguì l’attività con il cognato Francesco Gaetano  

V. F. Solesio (Genova [I]  1846-1893) Vittorio Filippo Solesio Nato nel 1846 morì nel 1893, figlio di Faustino Solesio

Faustino Solesio (Genova e San Martino (o san Francesco) d’Albaro (GE) (1844 - deposito via Canneto Curto (188x)) [I] ?) 
Nato nel 1820 morì nel 1880, figlio di Francesco Gaetano Solesio. La scritta “F. F. Solesio” su alcuni mazzi probabilmente sta per Fabbrica Faustino Solesio, non è il nome con le iniziali di un membro della famiglia, come ritenuto in alcuni testi

Antonio Paolo Solesio (Genova [I] ?) Nato nel 1856 morì nel 1904, figlio di Faustino Solesio  

Faustino Solesio (Genova [I] ?-1960) Figlio di Antonio Paolo Solesio, nacque nel 1895 e morì nel 1981. Su “La matta” (pag. 120) e alcuni mazzi si trova la scritta "Casa fondata nel 1774" data di inizio attività di Felix Finarius Solesio

 

Edizioni del Solleone di Vito Arienti (Lissone (MI) [I] via S. Michele al Carso - 197x-1987 ?) Stampò riproduzioni di antichi mazzi e disegni di giovani artisti

   

La sorgente ( ? [I] 195x)  Di questa ditta sono noti mazzi di carte per bambini

 

SOTEMA ( ? [I] 199x)

 

Giovanni Spangher (Venezia [I] sestiere del Castello - 1835) Lavorò solo un anno, poi si trasferì a Mestre dove morì. 
Negli archivi, con esemplari dei suoi mazzi, sono allegati fogli di Pietro Monticelli e Comp.

 

Francesco Sperandio (Palermo [I] 1827)

 

La Speranza (Trieste [I] 187x)

 

Marca Stella (Milano [I] 193x ?-198x ?) Produsse carte e giochi di basso prezzo, soprattutto per bambini

   

Francesco Strambo (Varallo Sesia (VC) [I] 1888-192x)

    

  

- T -

 

Vincenzo Tamagnini (Roma [I] 1885)

 

G. B. Tenani (Milano [I] 1926)

 

F.lli Tensi di Francesco e Alberto Tensi (Milano [I] corso di Porta Romana 105 e via Orti 2 - 1867 - inizi 20° sec.)

 

Giovanni Antonio Testone (Roma [I] metà 16° sec.)

 

Bernardo Tirone (Isernia [I] 182x)

 

Tob Card (Milano [I] 197x)

 

Alla Tore (marchio) (Bologna [I] 17° sec.)

 

Pellegrino Torri (Bologna [I] 1759-1797) Marchio "Al cigno" Figlio di Giovanni Giuseppe Torri

 

Tortone già Lando (Torino [I] 180x)

 

Cosmo Antonio Toso (Genova [I] 1770- ?)  

 

Tre stelle ( ? [I] 195x) Sono noti solo mazzi di carte per bambini

 

Giovanni & Carlo Trenner (Rovereto [I] 1871)

 

Alla trombetta (marchio) (Bologna [I] 18° sec.)

 

A. Trottolo/Baroni (Ferrara [I] 186x)

Fabbrica Trottolo/Baroni (Ferrara [I] 188x)

A. Trottolo (Ferrara [I] 1881) con scritta L. Baroni sul retro

 

Gianbattista Turrini (Bologna [I] 1784-1793)

 

Tuzzolino (Palermo o Catania ? [I] 173x-178x) Marchio “Il Camello” e “La Speranza”

    

  

- U -

 

Giuseppe Maria Ubaldini (Bologna [I] 1737)

 

Ungarelli (Bologna [I] 1784)

 

Vito Nicola Ungaro (Bari [I] fine 19° sec.)

 

Unione Tipo-Litografica (Milano [I] 19xx-193x)  

  

   

- V -

 

Antonio Vaccheri o Vacheri ( ? [I] 1780)

 

Giovanni Vacchetta (Torino [I] 1893). Disegnò un mazzo di tarocchi non standard

 

Antonio Vacheri (? [I] 1780)

 

Valentini (o Valenti) & C.ia (Roccapietra o Rocca Pietra (oggi frazione di Varallo Sesia) (VC) [I] 188x)

 

Angelo Valla (Trieste [I] 178x-179x)

 

Fratelli Vallardi (Milano [I] 19° sec.)

 

Vannini (Firenze [I] piazza della Signoria 1 - 195x-197x) Usò anche la sigla F C G V (Fabbrica carte da gioco Vannini)

 

Ventura (Cormons (GO) [I] 1734)

 

Fabbrica Verga e Compi (Perugia [I] 1870)

 

Stefano Vergnano (Torino [I] contra di Dora Grossa P. No. 9 - 1826-1851). Produsse tra il 1826 e il 1832 i primi mazzi conosciuti del tarocco piemontese nella versione moderna. Fino al 1826 Giorgio e Stefano Vergnano, padre e figlio, erano soci della Guglielmo Marengo e soci (WOPC Vergnano Tarot 1826-1851)

 

Giuseppe Versino (Torino [I] 1862)

 

Vezzalini (Modena [I] 178x)  

 

Emila Vezzani (Mantova [I] san Giovanni del tempio 10 - 1880)

 

Marcello Viarengo (Cuneo [I] 1853)

 

Viarengo (Torino [I] via Nuova 40 p. 2° - 186x)

 

Alessandro Viassone (Torino [I] 1838-1982) (n. 1166) Nel 1838 rilevò l’attività di Francesco Sbodio (riporta 1830 come anno di fondazione, che è quello di Sbodio) 
Indirizzi conosciuti contrada di S. Tommaso Porta No. 16 (187x Schreiber collection), via Stupinigi 1, deposito via Arsenale (?), via Nizza 104, deposito via Arsenale 1 (1888), via Fiocchetto 3 deposito via Arsenale 1 (1911), corso Stupinigi 12 deposito via Arsenale 1 (1916÷1922), via Caboto 1 (1932), corso re Umberto 100-102 (1931-38), largo re Umberto 100-102 (1953), corso Umberto I 102 (1953), via S. Francesco d’Assisi 26 (<1975), via Cervino 62 (197x-1982)  Usò anche il nome

Viassone & Compagnia (1895)

 

Vincenzi & C. (Modena [I] 1830)

 

Società Anonima Vindobona (Fucecchio (FI) [I] 1924 ?-1956 ?)

 

Litografia Violante (Napoli [I] San Giovanni Maggiore n° 17 - ? )

 

Gaetano Viscione e Tommaso Fiorito (Isernia [I] 1827)

 

A. Visentini (Roma ? [I] 1748)

 

Antonio Volpicella (Napoli [I] 1780-1827)

 

Giuseppe Volpicella Console (Sicilia ? [I] 1878)

   

 

- W -

 

Carl J. Weiss (Bozen/Bolzano [I] 18° sec.)

   

 

- X -

 

  

 

- Y -

 

 

 

- Z -

 

Domenico Zambonin (Bologna [I] 1719)

 

Carlo di Gio. Zanardi (Bologna [I] strada san Vitale 107 - 181x-186x) Marchio “Alla Follia”

 

Teresa Zancanaro (Chioggia (VE) [I] 1853- ?) Rilevò l’attività di Luigina Martini Anelli

 

Girolamo Zanchi (Venezia [I] fine 18° sec.-inizi 19° sec.)

 

Zanobetti (Firenze [I] 17° sec.)

 

L. V. o Luigia vedova Zeni (Trento [I] 1877-1887). Iniziò a lavorare da Carlo Bendelli e ne acquistò gli stampi alla chiusura della ditta

Rosalbina Zeni (Trento [I] 1887-1892 ?) Figlia di Luigia Zeni

 

Giovan Battista Zenone (Borgosesia (VC) [I] 180x)

 

Giacomo Zoni (Bologna [I] 1780) Marchio “All’Aquila”

 

Francesco Zuccarelli (Roma ? [I] 1748)

 

A. Zucchi (Parma [I] strada S. Croce 95 - 1879)